Fatturazione elettronica obbligatoria all’italiana. In che senso? Che la normativa è entrata in vigore ma l’applicazione si scontra con una serie di problemi applicativi. Primo tra tutti la corretta compilazione dei campi messi a disposizione dei provider che hanno messo a sistema la fatturazione elettronica, sviluppandone la programmazione.
La fatturazione elettronica B2B, obbligatoria dal 1° gennaio 2019 e dal 1° luglio 2018 per il settore dei carburanti, prosegue nel suo percorso di applicabilità e la Commissione europea ha redatto la proposta che il Consiglio UE dovrà approvare all’unanimità, con la quale autorizza lo Stato italiano a imporre l’adempimento ai soggetti passivi IVA.
La dematerializzazione dei documenti cartacei, che oggi è diventata un’esigenza molto sentita dagli operatori di mercato, è il risultato di un percorso fatto in continua rincorsa all’evoluzione tecnologica e che ha subito un’accelerazione con la prima legge Bassanini del 1997, la normativa che ha sancito la validità giuridica dei documenti elettronici.